Cosa fare se, durante un trattamento, lo psicologo si rende conto che il paziente non trae alcun beneficio?

attenzione Qualora ci si renda conto che il trattamento psicologico in atto non produca alcun beneficio per il paziente, lo psicologo valuta se interrompere la prestazione e, se richiesto, “fornisce al paziente le informazioni necessarie a ricercare altri e più adatti interventi”.
Riferimenti: art. 27 c.d.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.