Può uno psicologo intervenire per modificare la terapia farmacologica di un paziente?

Assolutamente no.
Riferimenti:art. 37 c.d.

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito.
Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy.